La nostra storia


L’istituzione della Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Venezia risale al Decreto del Governo Italico del 5 febbraio 1806, confermato da Decreto Napoleonico n. 145 del 27 luglio 1811.

Sebbene già dagli inizi del 1700 la Serenissima Repubblica avesse creato un organismo denominato Deputazione al Commercio o Deputati alla Camera di Commercio con il compito di “facilitare l’esito delle mercanzie” e discutere in assemblea quindicinale lo stato del commercio e le possibili migliorie, sottoponendo i risultati all’esame delle Pubbliche Autorità, solo agli inizi dell’800 la Camera di Commercio trovò la sua effettiva origine. Il Decreto infatti fissava l’organizzazione e poteri della Camera di Commercio di Venezia; essa aveva carattere regionale: dei 15 membri, 9 dovevano avere residenza a Venezia e gli altri 6 uno per capoluogo delle 6 province venete. Nel successivo decreto del 19 marzo 1807 si regola l’iscrizione delle ditte all’anagrafe commerciale.

Pertanto, nel 2006 la Camera di Commercio di Venezia ha festeggiato i 200 anni di fondazione, prestigiosa occasione per porre in luce il contributo che l’Ente camerale ha dato e dà allo sviluppo economico del territorio provinciale, nonché l’importanza dell’Istituzione camerale tra gli assi portanti del decentramento dei servizi amministrativi a livello locale.

Le celebrazioni per il Bicentenario hanno avuto inizio ufficialmente domenica 5 febbraio 2006 con una solenne cerimonia tenutasi a Venezia presso la Scuola Grande di San Giovanni Evengelista.

 

La nostra storia Clicca qui per l'approfondimento sulla nostra storia

Ultimo Aggiornamento: 17/11/2014