Sistemi di Gestione Ambientale

Che cosa sono i Sistemi di Gestione Ambientale?

I Sistemi di Gestione Ambientale (SGA) rappresentano un importante strumento di verifica che può essere sfruttato da tutte le organizzazioni, sia pubbliche che private, per analizzare e migliorare la performance ambientale delle proprie attività.

 

Secondo la norma ISO 14001, il sistema di gestione ambientale è definito “la parte del sistema di gestione generale che comprende la struttura organizzativa, le attività di pianificazione, le responsabilità, le prassi, le procedure, i processi, le risorse per elaborare, mettere in atto, conseguire, riesaminare e mantenere attiva la politica ambientale.”

 

Ciò si realizza attraverso tecniche di gestione che favoriscono il consolidamento della cultura ambientale all’interno delle organizzazioni, puntando sul principio della “prevenzione dei problemi” e sul  pieno coinvolgimento di tutto il personale.

 

Gli standard di riferimento per l’implementazione di un SGA sono due e precisamente:

 

  • la norma EN UNI ISO 14001;
  • il Regolamento Comunitario 761/2001 (EMAS: Environmental Management and Audit Scheme), ora sostituito dal Regolamento (CE) n. 1221/2009

 

Si tratta di norme ad adesione volontaria.

 

La Camera di Commercio di Venezia ha indetto i seguenti bandi di selezione a favore delle micro, piccole e medie imprese (MPMI) della provincia di Venezia per promuovere l’adozione di Sistemi di Gestione Ambientale, attraverso l’erogazione di contributi a fondo perduto:

 

  1. Bando di finanziamento per le micro, piccole e medie imprese della provincia di Venezia, finalizzato alla realizzazione di un’Analisi Ambientale Iniziale (AAI).

 

Per maggiori informazioni consultare il nostro sito alla sezione "BANDI".

 

  1. Bando di finanziamento per agevolare le micro, piccole e medie imprese della provincia di Venezia in materia di consulenza e formazione. Tra le materie considerate rientra la certificazione ambientale.

 

Per maggiori informazioni consultare il nostro sito alla sezione "BANDI".

COS’E’ LA NORMA EN UNI ISO 14001?

- La  norma EN UNI ISO 14001 è una norma internazionale applicabile a tutte le organizzazioni, che specifica i requisiti di un sistema di gestione ambientale.

 

COS’E’ IL REGOLAMENTO EMAS (REG. 1221/2009)?

- EMAS è un Regolamento comunitario che riconosce, a livello europeo e non solo, il raggiungimento di risultati di eccellenza nel miglioramento ambientale. Le organizzazioni che partecipano volontariamente si impegnano a redigere una dichiarazione ambientale in cui sono descritti gli obiettivi raggiunti e come si intende procedere nel miglioramento continuo.

 

E’ opportuno ricordare che il Regolamento 761/2001 (ora sostituito dal Reg. 1221/2009) ha integrato le procedure per la certificazione EMAS con quelle di ISO 14001; in tal modo la certificazione ISO 14001 diventa quindi un passo intermedio (ma ovviamente non obbligatorio) per ottenere la registrazione EMAS.

 

DIFFERENZE TRA EMAS E ISO 14001?
EMAS e ISO 14001 presentano scopi e requisiti simili, ma EMAS va oltre nel richiedere maggiori garanzie di conformità legislativa e la comunicazione all’esterno degli impegni presi nei confronti dell’ambiente.

 

Le principali differenze sono:
1. ISO è uno standard internazionale stabilito da un organismo privato, EMAS è un Regolamento stabilito dalla Commissione Europea;
2. ISO presuppone la conformità legislativa, cioè il rispetto della normativa ambientale, nei limiti in cui l’azienda abbia fatto tutto il possibile per ottenerla; EMAS richiede il rispetto della conformità legislativa come requisito di base;
3. ISO e EMAS richiedono la certificazione da parte di un organismo terzo accreditato, EMAS richiede in più una registrazione finale attuata da un organismo istituzionale che in Italia è il Comitato - Sezione EMAS Italia con sede presso il Ministero dell’Ambiente che si avvale del supporto tecnico dell’ISPRA (che ha accorpato Apat);
4. per la norma ISO è facoltativo redigere una dichiarazione ambientale; per EMAS la dichiarazione ambientale è obbligatoria come anche la sua diffusione, impegnando pubblicamente l’impresa a mantenere gli obiettivi prefissati.

 

BENEFICI DERIVANTI DALL’ADOZIONE DI UN SGA

SICUREZZA GIURIDICA

Rispetto di tutti i requisiti normativi nazionali, regionali e locali, eliminando i rischi di incorrere in sanzioni penali o civili

EFFICIENZA INTERNA

Permette l’ottimizzazione dell’organizzazione dei reparti dell’impresa e lo sviluppo della flessibilità in risposta ai cambiamenti del mercato

RIDUZIONE RISCHIO INCIDENTI

Individuazione delle aree di inefficienza dei processi produttivi grazie a una migliore informazione sui potenziali di rischio, ed una corretta gestione degli impianti, delle procedure di lavoro e delle emergenze

RIDUZIONI DEI COSTI

Relativi ad energia, materie prime, smaltimento rifiuti, personale, ecc. Questo è possibile grazie ad un uso razionale delle risorse e all’utilizzo di tecnologie più pulite

CREDITI PIU’ VANTAGGIOSI

Attraverso agevolazioni finanziarie per gli investimenti a favore dell’ambiente o finalizzati all’introduzione di un SGA

COLLABORAZIONI

Maggiore disponibilità da parte dell’esterno di instaurare rapporti con personale qualificato

VANTAGGI COMPETITIVI

Conquista o mantenimento delle quote di mercato, soprattutto per chi esporta nei Paesi che hanno una cultura ambientale, dove è lo stesso cliente finale ad operare la selezione e la scelta dei prodotti o dei propri fornitori

MIGLIORAMENTO IMMAGINE
AZIENDALE

Dovuta ad una maggiore credibilità rispetto ad altri attori economici grazie all’utilizzo del logo Emas e alla dichiarazione ambientale come documenti pubblici

VALORIZZAZIONE DEI SITI
 CERTIFICATI

La registrazione Emas, eventualmente riconosciuta dai mercati finanziari, potrebbe aumentare il fattore commerciale dell’attività

MIGLIORAMENTO DEI RAPPORTI
 CON LE AUTORITA’

Le autorità di controllo possono considerare, in fase di autorizzazione e analisi, gli sforzi compiuti dalle imprese e l’atteggiamento responsabile nel rispetto della legge, testimoniato dalla registrazione Emas dell’organizzazione

DIMINUIZIONI DEI COSTI ASSICURATIVI

Possibilità di una diminuzione dell’importo del premio assicurativo dimostrando di avere ridotto le probabilità di rischio di incidenti o di avere diminuito l’entità dei potenziali effetti

MOTIVAZIONE DEGLI ADDETTI

Maggiore senso di responsabilità e coinvolgimento del personale verso una efficienza eco-compatibile, grazie all’informazione e sensibilizzazione operata dai vertici aziendali, con conseguente riduzione delle conflittualità interne

 (tratto dal sito www.artaabruzzo.it/emas/pages/regolamento/vantaggi.htm)

 

Inoltre, per le imprese iscritte all’Albo Gestori Ambientali, tra le varie agevolazioni previste per le organizzazioni certificate ricordiamo:

 

ATTIVITA’ DI RACCOLTA E TRASPORTO DI RIFIUTI [catt. 1 – 4 – 5]

Il comma 7 dell’art. 212 del D.Lgs 152/2006 prevede che “le imprese che effettuano attività di raccolta e trasporto dei rifiuti (..) devono prestare idonee garanzie finanziarie a favore dello Stato. Tali garanzie sono ridotte del cinquanta per cento per le imprese registrate ai sensi del regolamento (CE) n. 761/2001, del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 marzo 2001 (Emas), e del quaranta per cento nel caso di imprese in possesso della certificazione ambientale ai sensi della norma Uni En Iso 14001.”
Il Comitato Nazionale con propria circolare n. 1963 del 29 dicembre del 2006 ha chiarito l’ambito di applicazione di tale previsione, mentre con la circolare n. 1000 del 7 agosto del 2006 ha disposto le modalità da seguire per le imprese già iscritte in categorie 1-4-5, alla data di entrata in vigore del d.lgs. 152  per la riduzione delle garanzie finanziarie: tra i documenti da presentare è prevista la copia conforme dell’attestato di registrazione EMAS o della certificazione UNI ENI  ISO 14001 oppure la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, resa dal legale rappresentante dell’impresa ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 445/2000, con la quale si attesti il possesso delle suddette registrazioni o certificazioni;

 

ATTIVITA’ DI BONIFICA DI SITI E DI BENI CONTENENTI AMIANTO [cat. 9 - cat. 10]  

Il comma 9 dell’art. 212 del D.Lgs 152/2006 prevede che “le imprese che effettuano attività di (..) bonifica di siti e di beni contenenti amianto devono prestare idonee garanzie finanziarie a favore della Regione competente; in attesa della pubblicazione del decreto che stabilisce i criteri generali per la definizione delle stesse, ad oggi le garanzie finanziarie continuano ad essere prestate a favore dello Stato (v. art. 14 del DM 406/98).
Ai sensi di quanto previsto dal  D.M. del 5/02/2004 “Modalità ed importi delle garanzie finanziarie che devono essere prestate a favore dello Stato dalle imprese che effettuano le attività di bonifica dei beni contenenti amianto” e dal D.M. del 5/07/2005 “Modalità ed importi delle garanzie finanziarie che devono essere prestate a favore dello Stato dalle imprese che effettuano le attività di bonifica dei siti”, alle imprese registrate EMAS viene applicato il trenta per cento degli importi tabellari dell’ammontare delle garanzie finanziarie. 

 

L’ANALISI AMBIENTALE INIZIALE (AAI)

- L’ANALISI AMBIENTALE INIZIALE (AAI) consiste in una prima “fotografia” delle interazioni tra l’organizzazione e l’ambiente attraverso l’ analisi degli aspetti ambientali, degli impatti e delle procedure operative attuate.

 

L’analisi ambientale iniziale permette di:

 

  1. individuare e definire le attività svolte dall’organizzazione (descrizione dello stabilimento, analisi del ciclo produttivo);
  2. determinare la normativa applicabile in materia di sicurezza, salute e ambiente;
  3. analizzare il contesto territoriale all’interno del quale opera l’impresa: questo permette di determinare il livello di vulnerabilità degli aspetti ambientali legati all’attività (scarichi idrici, emissioni in atmosfera, consumi energetici, ecc.) e la valutazione degli impatti ambientali associati.

 

I Sistemi di Gestione Ambientale (SGA) rappresentano un importante strumento di verifica che può essere sfruttato da tutte le organizzazioni, sia pubbliche che private, per analizzare e migliorare la performance ambientale delle proprie attività.

SUPPORTO ALLE IMPRESE

L’Ufficio Ambiente della Camera di Commercio e la Sezione regionale del Veneto dell’Albo gestori ambientali stanno curando la pubblicazione di  una guida ai sistemi di certificazione ambientale: scritta in uno stile chiaro, essa vuole essere uno strumento di prima consultazione per le imprese interessate. Oltre ad una parte descrittiva/esplicativa, contiene anche le testimonianze di imprenditori che hanno scelto il percorso della certificazione ambientale.

Per prenotarne una copia si prega di inviare una richiesta a:

C.C.I.A.A. DI VENEZIA
Ufficio Unico Ambiente delle C.C.I.A.A. del Veneto
Via Forte Marghera, 151
30173 Mestre – Venezia

Tel:  041 786151 /177     Fax: 041 786150
E-mail: ambiente@dl.camcom.it

L’ufficio è altresì a disposizione per informazioni riguardanti il bando di finanziamento per l’ Analisi Ambientale Iniziale (AAI).

- Regolamento (CE) n. 1221/2009 del Parlamento Europeo e dal Consiglio del 25 novembre 2009 (NUOVO EMAS III);

 

- Regolamento (CE) n. 761/2001 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 marzo 2001 sull'adesione volontaria delle organizzazioni a un sistema comunitario di ecogestione e audit (EMAS II);

 

- Lo standard internazionale UNI EN ISO 14001:2004.

Ultimo Aggiornamento: 04/02/2016