Sanzioni Registro Imprese - REA

Il Registro Imprese eleva sanzioni amministrative se la domanda di iscrizione, modifica o cancellazione, o la denuncia al Repertorio Economico Amministrativo (REA) viene presentata oltre i 30 giorni dalla data dell'atto o dell'evento (art. 18 Legge n.340/2000).

Il termine è ridotto a 20 giorni per il deposito dell'atto costitutivo delle società di capitali e cooperative.
In particolare:

  • i 30 giorni si contano partendo dal giorno successivo alla data dell'atto o dell'evento;
  • se il termine cade di sabato o di giorno festivo la presentazione della domanda è considerata tempestiva se effettuata il primo giorno lavorativo successivo (art. 3 D.P.R. 558/99);

La sanzione amministrativa viene notificata a tutti i soggetti obbligati alla presentazione della domanda ed anche alla società, in quanto responsabile in solido (art. 14 L. 689/81).

Le violazioni possono essere Erariali o Rea:

Tipo violazione Ente beneficiario del pagamentoModalità di pagamento

Ritardato o omesso adempimento degli obblighi previsti dal codice civile per le imprese individuali e notai

Ritardato o omesso adempimento degli obblighi previsti dal codice civile per le società di persone, di capitali, consorzi e cooperative

 

Erario

 
Modello F23

 

Ritardate o omesse comunicazioni al REA (modelli S5, UL)

 

Camera di Commercio

 

Modello F23

 

 

 

 

 

ISTRUZIONI PER IL PAGAMENTO


Per il pagamento delle sanzioni è possibile utilizzare:
- la MODALITÀ' SEMPLIFICATA (direttamente all'interno della pratica telematica)
che prevede il pagamento del solo importo della sanzione previsto dalla legge -
oppure
- la MODALITÀ ORDINARIA (previa notifica)
che prevede il pagamento dell'importo della sanzione previsto dalla legge maggiorato delle spese di procedimento ed eventualmente di notifica.


Il pagamento di ogni sanzione si effettua SOLTANTO con il MODELLO F23.
Per ogni tipo di violazione commessa - Erariale o REA – già in fase di invio nella pratica telematica nel "QUADRO NOTE" della distinta chi provvede all'invio della pratica telematica può comunicare la modalità che intende utilizzare inserendo l'indicazione:

"E' richiesta la modalità SEMPLIFICATA (oppure ORDINARIA) per il pagamento della sanzione".


In caso di pagamento della sanzione in modalità Semplificata, la copia dell'ultimo foglio del modello F23 (formato .tif o .pdf) - riportante in calce le parole "Copia per la eventuale presentazione all' ufficio" con il timbro leggibile dell'Ente riscossore - dovrà essere allegato e trasmesso all'interno della pratica telematica ENTRO E NON OLTRE 5 GIORNI dalla data di invio della Contestazione di violazione amministrativa trasmessa via posta elettronica certificata dal Registro Imprese.


La modalità Ordinaria prevede che l'Ufficio Sanzioni Registro Imprese invii il Verbale di Accertamento di infrazione amministrativa maggiorando l'importo della sanzione di ciascuno dei soggetti obbligati di 15,00 € per spese di procedimento a cui vanno sommati 10,00€ per ciascuna notifica inviata per posta.
L’importo totale della sanzione e delle spese vive deve essere pagato entro 60 (sessanta) giorni dal ricevimento del Verbale di accertamento.


Al fine di consentire la tempestiva archiviazione della procedura, l'interessato è invitato a far pervenire immediatamente copia del Mod. F23 attestante l'avvenuto pagamento all’attenzione del funzionario che ha firmato il verbale di accertamento e contestazione, tramite:

Il trasgressore può inviare memorie o contestazioni in carta semplice all'Ufficio Sanzioni (ex Upica) della Camera di Commercio di Venezia Rovigo Delta Lagunare, San Marco 2032 Venezia entro 30 giorni dal ricevimento del verbale di accertamento (vedi link http://www.dl.camcom.gov.it/sonoimpresa/sono-impresa-cosa-devo-fare/rispettare-i-termini-di-legge/sanzioni-amministrative-ex-upica).

Se il pagamento della sanzione contestata non avviene entro i prescritti 60 giorni dalla data di notifica, l'Ufficio Sanzioni del Registro Imprese trasmette il verbale all'Ufficio Sanzioni (ex UPICA) della Camera di Commercio di Venezia Rovigo Delta Lagunare che valuta gli atti trasmessi, unitamente alle eventuali memorie o contestazioni, ai fini dell'emissione dell'ordinanza ingiunzione o dell’archiviazione ai sensi dell'art.18 della L. 689/81.

PRESCRIZIONE

Le sanzioni si prescrivono dopo 5 anni dal giorno in cui è stata commessa la violazione ( art. 28  Legge n. 689/81). 

La prescrizione deve essere datta valere dall'interessato e può essere invocata sia all'interno della pratica telematica (riquadro note contestualmente all'invio della pratica, diario messaggi durante la lavorazione della pratica), o in seguito alla chiusura della pratica, direttamente all'Ufficio sanzioni R.I.

Importi sanzioni
aggiornati alla legge 180/2011 "Norme per la tutela della libertà d'impresa. Statuto delle Imprese",
entrata in vigore il 15 novembre 2011 (G.U. n. 265 del 14.11.2011)

 

Tipo di violazione

Sanzione pecuniaria prevista

Ritardato o omesso adempimento degli obblighi previsti dal codice civile per IMPRESE INDIVIDUALI e altri soggetti obbligati al deposito (notai, curatori e commissari liquidatori, commercialisti per trasferimento quote di srl)

€ 20,00

 

ATTI SOCIETARI: Ritardato o omesso adempimento degli obblighi previsti dal codice civile per le società di persone, di capitali, consorzi e cooperative

Se l’atto viene depositato entro i 30 giorni di ritardo*

€ 68,66 per ogni soggetto obbligato al deposito dell'atto

Se l’atto viene depositato oltre i 30 giorni di ritardo*

€ 206,00 per ogni soggetto obbligato al deposito dell'atto

BILANCI: Ritardato o omesso adempimento degli obblighi previsti dal codice civile per le società di persone, di capitali, consorzi e cooperative

Se il bilancio viene depositato entro i 30 giorni di ritardo*

€ 91,56 per ogni soggetto obbligato al deposito del Bilancio

Se il bilancio viene depositato oltre i 30 giorni di ritardo*

€ 274,66 per ogni soggetto obbligato al deposito del Bilancio

Ritardate o omesse comunicazioni al REA (modelli S5, UL)

€ 10,00 per ogni soggetto obbligato alla denuncia per ritardo non superiore a 30 giorni;
€ 51,33 per ogni soggetto obbligato alla denuncia, per ritardo superiore a 30 giorni e in caso di omissione.

* entro i 30 giorni di ritardo = tra il 31° e il 60° giorno dalla data dell’atto soggetto a deposito
* oltre i 30 giorni di ritardo = dal 61° giorno dalla data dell’atto soggetto a deposito.

 

Ultimo Aggiornamento: 14/11/2017